Per una ripresa della riflessione missionaria, in Italia

Standard
Per una ripresa della riflessione missionaria, in Italia

La rivista Ad Gentes chiude definitivamente.

Purtroppo, negli ultimi tempi, su molti strumenti fondamentali nella riflessione teologica, in-Formativa e missionaria, è stata scritta la parola fine. Dal Centro Studi di Missio, fino ad Ad Gentes, e nel mezzo tante esperienze che sarebbe troppo lungo elencarle tutte.

Un po’ “i tempi” – dicono; ma io mi domando: c’è mai stata la volontà di leggerli “questi segni dei tempi?”.

Ancora un po’, la crisi economica e la crisi del settore giornalistico; e io mi domando di nuovo: ma i validi progetti di rilancio di questi strumenti in-Formativi pensati, non molto tempo fa, su valori ed elementi che fanno del fattore economico un aspetto esclusivamente strumentale, e non di scopo, che fine hanno fatto? (Giusto per rinfrescarsi la memoria: il Vademecum del Centro Missionario Diocesano contiene molti suggerimenti in questo senso).

Un po’ l’idea che “se tutti i cristiani sono missionari, nessuno lo è più specificamente”; e qui invece di una mia domanda riporto l’eccezionale risposta contenuta nell’articolo di Missione Oggi, che condivido alla fine di questo pensiero: “la missio ad gentes richiede un nuovo impegno, anche sul piano teologico, perché diventi paradigma di tutta l’azione e la vita della Chiesa[…] si accredita nel suo imperdibile valore evangelico perché dispone ogni Chiesa locale a favore delle altre e della intera cattolicità: così che ogni Chiesa si senta protagonista dell’annuncio del Vangelo a tutte le genti.” 

Nella lettera in cui la CIMI (Conferenza degli Istituti Missionari in Italia) si assume la responsabilità della Chiusura di Ad Gentes, c’è scritto: “Vi abbiamo chiesto di chiudere un capitolo proprio per permetterci di pensarne un altro […]. Ora però con umiltà chiediamo allo Spirito, il grande protagonista della missione, che ci indichi le strade che vanno bene oggi per continuare a svolgere all’interno della Chiesa italiana il ruolo importante che ci è ancora riconosciuto”.
Allora, da semplice cristiano, missionario, laico, spero che Missio, con il Consiglio Missionario Nazionale, che rappresenta tutte le realtà missionarie in Italia, abbia il coraggio – lo stesso coraggio di papa Francesco che con la sua azione di pastore, con l’Evangelii Gaudium, e con la Laudato Sii, non ha avuto paura di dar Ali allo Spirito – di farsi seriamente carico del bisogno essenziale di una seria riflessione teologica e missionaria.
Ecco l’articolo di cui vi parlavo: http://missioneoggi.saverianibrescia.it/main/?id=686
Até Amanhã
i100inrete
Annunci